Cantari moderni

Il fondo dei cantari moderni, digitalizzato, consiste in una serie di fogli volanti, nella tipica carta dei pianeti della fortuna, su cui sono stampate storie in versi, generalmente a soggetto drammatico o passionale, spesso con commento figurato in xilografia.

Curata dal poeta dialettale parmigiano Alfredo Zerbini (1895-1955), dipendente della Palatina, la Raccolta può considerarsi un'importante testimonianza della cultura popolare italiana degli anni a cavallo tra il XIX e il XX secolo.

Ad eccezione di alcuni, i fogli risultano stampati a Fiorenzuola d'Arda nella Tipografia Pennaroli tra il 1855 e il 1915.